Selfie mania & Instragram: il binomio delle vacanze social
News

Selfie mania & Instragram: il binomio delle vacanze social

È vero che l'estate è ancora piuttosto lontana, ma ogni momento è comunque buono per farsi una bella e rigenerante vacanza. Stiamo parlando di un modo intelligente per staccare la spina e rilassarsi insomma. E, in una società fortemente tecnologica e dove ormai tutti hanno uno smartphone, anche le nostre vacanze diventano sempre più social.

Foto, video, scatti e racconti per immortalare i nostri ricordi in maniera pressoché virtuale. Ormai è un qualcosa che facciamo tutti. Basta entrare su Facebook e Instagram per rendersene conto. Una sorta di possibilità di rigustarsi quando e come si vuole il proprio viaggio attraverso un display. È un po’ come portarlo sempre con sé.

Colosseo, ponte di Brooklyn, Tour Eiffel e Central Park: sono queste alcune delle mete più instagrammate del 2016, anno appena conclusasi. Questa non è altro che la perfetta conferma della suddetta tesi. Quindi chi viaggia non vuole assolutamente smettere di comunicare e restare in contatto con il mondo che lo circonda. Forse se si intende staccare la spina non è proprio il massimo, ma ormai siamo come dipendenti da quel piccolo aggeggio che condiziona, a volte in meglio, a volte in peggio, le nostre vite. Ma questo non è un vizio che riguarda solo la gente comune. Basti pensare alle tantissime star contagiate dalla cosiddetta selfie mania. E quando si è in vacanza la foto riesce ancora meglio. Su questo non c’è nulla da dire.

Insomma, la voglia di stare connessi sembra non passare davvero mai. La tecnologia è ormai parte integrante di noi. Essa è diventata un modo per condividere con gli altri le avventure, i momenti migliori e più divertenti. In fondo, che cosa c’è di male? Ed ecco che, quella tra le vacanze e i social, può essere tranquillamente definita una relazione tecnologica. E la sensazione è che sia destinata a durare a lungo. Molto a lungo.

 

APPROFONDIMENTI  Le 4 star più social del momento
Categories
NewsScienceWorld

COMMENTA IL POST

*

*