derby di Roma perché non perderlo
Magazine

Tre motivi per seguire il derby di Roma

Tutto pronto per la quarta stracittadina stagionale

Sarà il quarto stagionale, ma l’attesa è sempre e comunque davvero molto alta ed elevata. Perché il derby di Roma resterà, in tutti i sensi, il derby di Roma. Dopo il successo giallorosso dell’andata e la semifinale di Tim Cup, che ha visto il passaggio del turno dei biancocelesti, nonostante il ko nella seconda sfida, ecco che arriva il ritorno in campionato. La prima cosa da segnalare è l’orario: 12,30. E in molti hanno storto il naso, ma i diritti tv e i quattrini, si sa, dominano e decidono. Ma ecco perché non bisogna assolutamente perdersi la stracittadina di domenica pomeriggio.

POSTA IN PALIO

Questo è quello che, senza alcun dubbio, più conta. La squadra di Spalletti deve assolutamente blindare il secondo posto dall’assalto del Napoli, mentre i ragazzi di Simone Inzaghi devono confermare quanto di buono fatto in questa sorprendente stagione e conquistare un posto in Europa, che sarebbe indubbiamente più che meritato. Insomma, la tensione sarà davvero alta. La speranza è però che quest’ultima non condizioni lo spettacolo.

IL PUBBLICO

Questo è l’elemento fondante del derby di Roma. Sfottò, coreografie, striscioni e prese in giro: il sale della stracittadina capitolina sta soprattutto qui. La storia dice questo. Si può tranquillamente dire che, oltre che in campo, si giocherà un’altra partita accesa e combattuta: quella sugli spalti. Anche qui l’attesa è a dir poco spasmodica ed elettrizzante.

I DUELLI

Biglia contro Nainggolan, Immobile contro Dzeko, Manolas contro De Vrij, Felipe Anderson contro Salah: questi sono solo alcuni dei duelli che caratterizzeranno il match dello stadio Olimpico di domenica pomeriggio. Insomma, senza alcun dubbio anche i singoli saranno protagonisti. Resta solo da capire chi riuscirà a essere decisivo e permetterà alla sua squadra di gioire. Perché il derby di Roma non è e non sarà mai un partita come tutte le altre. Questo è fin troppo chiaro a tutti.

APPROFONDIMENTI  Tre motivi per tornare alla Serie A a 18 squadre
Categories
MagazineNews

COMMENTA IL POST

*

*