Wrestilng Rko mosse finali
Magazine

Le 4 migliori mosse finali del mondo del wrestling

Perché lo schienamento non avviene mai per caso...

Una via di mezzo tra lo sport e lo spettacolo: è questo, senza alcun dubbio, il miglior modo per tentare di definire il wrestling. Le mosse finali, dette nel linguaggio tecnico finishers, sono probabilmente l’aspetto più spettacolare, emozionante e caratteristico. Ma quali sono le migliori e le più efficaci? Eccone quattro tra quelle più famose e amate.

PEDIGREE

Si tratta della mossa finale di Triple h, uno dei wrestler più famosi e titolati nella storia della Wwe,  la più importante federazione nel mondo del wrestling. Consiste nell’imprigionare le braccia e nel far colpire il terreno con il volto dell’avversario. Forse un po’ macchinosa e lenta da mettere in pratica, ma sicuramente molto efficace e letale. A ereditarla è stato Seth Rollins.

SPEAR

Edge, Christian, Goldberg e Romain Reigns ne hanno fatto e, nel caso dell’ultimo, ne fanno tutt’ora un marchio di fabbrica e distinzione. Si tratta di un vero e proprio placcaggio a livello dello stomaco, che rimanda in un certo senso al football americano, nei confronti dell’avversario, che ha come conseguenza principale quello di tramortirlo e stenderlo a terra. Un qualcosa di molto scenico, spettacolare e potente.

F5

Effettuata da un vero e proprio colosso come Brock  Lesnar. Il colpo consiste nell’essere sollevati, fatti roteare per poi venire lanciati e scaraventati a terra. Il match insomma, a meno di miracoli, è terminato. Senza alcun dubbio, una delle mosse finali più devastanti e distruttive del mondo del wrestling.

RKO

Acrobaticità, spettacolarità, astuzia e inimitabilità: sono queste le principali caratteristiche di questa finisher. Randy Orton, figlio del cowboy Bob Orton, ne è l’artefice e il creatore. E non può davvero che esserne orgoglioso e fiero, perché è anche grazie a essa che il wrestling è quello che è. Basta farsi un giro su Youtube per crederci. Le parodie dell’RKO si sprecano.

APPROFONDIMENTI  Il prossimo futuro del mobile gaming sarà ancora più tech
Categories
MagazineNews

COMMENTA IL POST

*

*