Guida al Bomber perfetto
Magazine

Guida al Bomber perfetto

Ecco come scegliere il vostro fanta-attaccante. Chi soffre i periodi bui e chi si fomenta in quelli positivi?

Sfatiamo un tabù, un mito, un luogo comune. Per chiamarsi bomber bisogna avere chiari, evidenti e conclamati meriti calcistici. Soprattutto se giochi in Serie A, soprattutto se ti devo prendere per la mia squadra al Fantacalcio. Dove contano la costanza, i numeri, i bonus. Allora come scegliere i nostri numeri 9? Quali sono i nomi da evitare come la peste, quelli invece per cui svenarsi e le possibili sorprese?

Molto dipende dai periodi di forma, con attaccanti che entrati nel circolo virtuoso sono capaci anche di non smettere più a segnare. Altri invece, finiti nel buio pesto, non riescono ad uscirne.

Quest’anno è senza dubbio la stagione di Krzysztof Piatek, a quota 11 reti con il Genoa. Per lui record di miglior esordiente in Serie A, eguagliato il record di Kar Aage Hansen del 1949 1950 con la maglia dell’Atalanta. Occhio però perché andando a vedere le percentuali totali, per quanto riguarda le partite consecutive a segno, il re dei bomber è Ciro Immobile con 50.7% di reti in striscia positiva, seguito da Gonzalo Higuain (50%) e Edin Dzeko (44.2%). Subito dopo il podio c’è un centrocampista: Josep Ilicic, piazzato a 38.9%, mentre più defilati ma comunque di garanzia Fabio Quagliarella (34.6%) e Leonardo Pavoletti (34.3%). La percentuale indica le volte in cui un giocatore segna anche nella partita successiva ad un gol, per sottolineare la prolificità nel momento di forma.

I 5 giocatori ad aver trascorso più tempo in striscia positiva, con almeno 4 gol in 5 partite sono quelli dei top club della Serie A: oltre a Higuain, Immobile e Dzeko già citati ci sono Mauro Icardi e Dries Mertens. Con quest’ultimo che condivide un record con il rivale juventino Paulo Dybala: più gol in 5 presenze, ovvero 9 reti ciascuno.

APPROFONDIMENTI  Tre motivi per tornare alla Serie A a 18 squadre

Occhio però alle note negative. Come i giocatori che hanno passato più tempo senza segnare. Palma di primo della classe a Josip Ilicic, con la maglia del Palerma, quando ha impiegato 31 giornate per ritrovare la via del gol. Tra i meno prolifici anche Roberto Inglese, Arkadiusz Milik, Simone Zaza, Gregoire Defrel e Mattia Destro, tutti sotto il 30% di probabilità di andare in gol in due partite consecutive. Tra i cinque calciatori che non riescono ad uscire dalla striscia negativa ci sono anche Stephan El Shaarawy, Rodrigo Palacio e Josè Callejon.

Numeri e dati che vi permettono di scegliere in maniera ponderata il bomber a cui affidare la vostra fortuna. Tra questi, ovviamente, Mauro Icardi, attaccante e capitano dell’Inter che ha passato quasi il 40% della sua carriera in Serie A in striscia positiva. Una frequenza doppia rispetto a quella di Dries Mertens, con bonus garantiti e rendimento assicurato. Ecco, per lui potete svenarvi. State certi, sarete ripagati con un bel primo posto nella vostra fantalega. D’altronde con 10 euro non si mangia in un ristorante da 100, diceva Antonio Conte.

Categories
MagazineNews

COMMENTA IL POST

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.