7 modi per controllare lo stress sul posto di lavoro
Explore

7 modi per controllare lo stress sul posto di lavoro

Lavorare sotto pressione non è affatto salutare poiché alcune delle conseguenze di questa situazione sono irritabilità, stanchezza mentale e fisica e persino depressione

Sono nove milioni gli italiani che soffrono di stress da lavoro e le donne sono il doppio degli uomini. Di queste, nove su dieci soffrono di disagi psichici e disturbi dell’umore. L’ IMF Business School ha elaborato un elenco contenente 7 step utili per imparare a tenere sotto controllo lo stress sul posto di lavoro.

Organizzazione. Mantenere un certo ordine vi consentirà di massimizzare il tempo che avete a disposizione. Attraverso una buona  pianificazione sarà più facile far fronte alla notevole mole di lavoro che vi aspetta e riuscirete a rispettare con facilità le scadenze. Anche tenere in ordine la vostra scrivania e documenti vari, sapendo sempre dove andare a cercarli all’occorrenza, vi consentirà di guadagnare tempo.

Stilare un elenco delle priorità. Lo avrete certamente sentito miliardi di volte, fino alla nausea, ma in realtà sono pochi coloro che ricorrono a questo metodo. Ordinare chiaramente ogni attività in base alla sua priorità nel breve, medio e lungo termine, senza dover per forza considerare una data limite al fine di evitare di sentirsi sotto pressione, aiuta a ridurre lo stress.

Saper dire “no”. Assumersi la responsabilità di un compito pur essendo consapevoli che è impossibile consegnarlo in tempo, aumenta la sensazione di “sentirsi sotto pressione”. A volte, rispondendo con un semplicemente “no”, si riuscirebbe a mettere la parola “fine” a interminabili e stressanti giornate di lavoro.

Aggiornarsi. Un’altra delle cause dello stress sul posto di lavoro è la scarsa conoscenza relazionata all’uso dei nuovi metodi tecnologici. Tenersi al passo con le nuove tecnologie e aggiornarsi continuamente, aiuta a guadagnare tempo quando è il momento di dedicarsi ad un’attività che, svolta in un altro modo, comporterebbe molte più ore di lavoro e più dispendio di energie.

APPROFONDIMENTI  I 4 sportivi più amati sui social

Concedersi delle pause. Stare otto ore consecutive seduti di fronte al computer diminuisce la concentrazione e la produttività. Cercate di staccare almeno 5 minuti ogni due ore per sgranchirvi le gambe, bere un caffè e “respirare”.

Dormire almeno 8 ore al giorno. Vi aiuterà a recuperare e caricare le pile per affrontare con più energia i progetti e le sfide di un nuovo giorno.

Vacanze. Per evitare la temuta sindrome del burnout, che affetta il 20% dei lavoratori europei, secondo uno studio della Fondazione Europea per il Miglioramento delle Condizioni di Vita e di Lavoro, è essenziale che ai lavoratori vengano concessi dei periodi di riposo. Momenti in cui è possibile lasciarsi alle spalle le incombenze quotidiane, dimenticare il telefono, il tablet o il PC facendo in modo che non rappresentino fattori di disturbo durante i momenti di relax. Qualcosa che sembra impossibile, ma che si sta portando avanti  in paesi come la Francia, grazie al diritto di “spegnerli” e sconnettersi fuori dall’orario di lavoro.

Categories
ExploreNewsScience

COMMENTA IL POST

*

*